Start Submission Become a Reviewer

Reading: The Other in Italian Postcolonial Cinema. Pasolini and Fellini: Two Case Studies

Download

A- A+
dyslexia friendly

Articoli

The Other in Italian Postcolonial Cinema. Pasolini and Fellini: Two Case Studies

Author:

Linde Luijnenburg

University of Warwick, GB
About Linde

Linde Luijnenburg holds an MA in art history (University of Amsterdam and New York University) with a focus on Italian Renaissance and Baroque, an MA in Literary Studies (Catholic University of Leuven) and a BA in Italian Studies (University of Amsterdam and Università degli studi Roma Tre). She wrote her thesis for Literary Studies on references to the Italian colonial past in three films of Ettore Scola, Pier Paolo Pasolini and Federico Fellini. In October, 2013, she will start her PhD at the University of Warwick, UK, in which she will focus on the stereotype of the ‘BlackOther’ in Italian cinema of the 1950s and 1960s.

X close

Abstract

In questo articolo si illustra, alla luce di due film, come Pier Paolo Pasolini e FedericoFellini abbiano cercato di mettere in discussione il silenzio sul passato colonialeitaliano, in un periodo in cui − gli anni Sessanta e Settanta − il dibattito sulcolonialismo era molto acceso nella cultura europea. Nelle opere analizzate nel presente contributo, i due artisti, facendo ricorso al proprio inconfondibile stile, affrontano criticamente i pregiudizi e gli stereotipi ancora esistenti nella società italiana. In Appunti per un’Orestiade africana (1968-1970), Pasolini definisce l’Altro ancora partendo da una prospettiva occidentale, sebbene egli riconosca che le problemiche nascono da uno sguardo ‘binario’ sull’Africa, cioè da un pensiero che articola la realtà secondo categorie estreme, opposte e inconciliabili. Anche Fellini in Amarcord (1973) decostruisce il pensiero sull’Altro partendo dall’opposizione di concettiantitetici; egli ridicolizza più volte nel film quel modo di pensare orientalista edimostra inoltre che il vero pericolo, ossia il vero ‘Altro’, viene piuttosto dall’internodel paese. Riconoscendo la parte ‘fascista’ o adolescente della società e smettendodi dare la colpa ‘agli altri’, gli italiani potrebbero per Fellini finalmente venire a patti con se stessi e con la loro storia (coloniale) recente. Come si suggerisce nel contributo, i due film analizzati non costituiscono delle eccezioni, ma anticipano una riflessione sul colonialismo italiano presente anche in altre pellicole che attendono di essere adeguatamente studiate.
DOI: http://doi.org/10.18352/incontri.9142
How to Cite: Luijnenburg, L., (2013). The Other in Italian Postcolonial Cinema. Pasolini and Fellini: Two Case Studies. Incontri. Rivista europea di studi italiani. 28(1), pp.34–43. DOI: http://doi.org/10.18352/incontri.9142
2
Views
Published on 24 Jul 2013.
Peer Reviewed

Downloads

  • PDF (EN)

    comments powered by Disqus