Start Submission Become a Reviewer

Reading: The Dante Alighieri Society in Warsaw. From aristocratic sociability to Fascism’s intellectu...

Download

A- A+
Alt. Display

Articoli

The Dante Alighieri Society in Warsaw. From aristocratic sociability to Fascism’s intellectual showcasing (1924-1934)

Author:

Tamara van Kessel

University of Amsterdam, NL
About Tamara

Tamara van Kessel is an Assistant Professor, lecturing on cultural diplomacy and on heritage studies, and coordinator of the master’s programme Heritage and Memory Studies in the department of Arts and Culture at the University of Amsterdam (Netherlands). She has worked on comparative studies in the field of foreign cultural policy, especially in the interbellum, and on the tensions between internationalism and national promotion, as well as on postwar cultural reconstruction. Her most recent publication is Italian and British Foreign Cultural Policy in the Interbellum. The Italian Dante Alighieri Society and the British Council Contesting the Mediterranean (Amsterdam University Press 2016).

X close

Abstract

Il ruolo degli intellettuali nella creazione sia dell’Italia come nazione che dello stato fascista è una questione ricorrente nella storiografia italiana. Un aspetto che merita ulteriore attenzione è il modo in cui gli intellettuali siano stati coinvolti nel propagare la cultura italiana all’estero. È possibile sostenere che la Società Dante Alighieri, ovvero la più importante organizzazione per diffondere la cultura italiana oltre i confini, operasse come un circolo intellettuale? Cambia la funzione di questi intellettuali durante il regime mussoliniano? Questo articolo prende in esame il caso illustrativo del comitato della Dante a Varsavia dal 1924 al 1935, in un paese paragonabilmente prodotto dal nazionalismo romantico dell’Ottocento che all’epoca attraversava le tensioni ideologiche e i cambiamenti sociali della modernità. Questo comitato della Dante dimostra come una piccola parte delle élite polacche fu attratta dalle nuove ambizioni culturali del fascismo italiano e dalle possibilità che ciò sembrava dare alle loro aspirazioni intellettuali. Ricostruendo il crescente coinvolgimento dei funzionari italiani nelle attività della Dante, fino al superamento della Dante dovuto alla creazione di un Istituto di cultura italiana, esaminiamo il ruolo strategico degli studenti, il richiamo all’amicizia storica italo-polacca, gli interessi economici, ma anche il tentativo di riconfigurare la figura dell’intellettuale nell’insieme di una politica culturale più burocratizzata.

DOI: https://doi.org/10.18352/incontri.10287
How to Cite: van Kessel, T., 2019. The Dante Alighieri Society in Warsaw. From aristocratic sociability to Fascism’s intellectual showcasing (1924-1934). Incontri. Rivista europea di studi italiani, 34(1), pp.83–96. DOI: http://doi.org/10.18352/incontri.10287
Published on 15 Sep 2019.
Peer Reviewed

Downloads

  • PDF (EN)

    comments powered by Disqus